Официален блог на WebEKM EKM очаквайте сайта онлайн скоро.

Download Free Templates http://bigtheme.net/ free full Wordpress, Joomla, Mgento - premium themes.

Clistere

Postato in Glossario BDSM

L'enema, detto anche clisma o clistere è una procedura con cui si immettono soluzioni liquide, in genere medicamentose nel retto o nel colon mediante tubicino introdotto nell'ano, al fine usualmente di provocare la defecazioneL'enema o clistere, quindi, è una pratica medica indicata, per lo più, per risolvere problemi di stitichenemaezza, anche se il suo utilizzo può avere altri scopi: medici, dietologici o sessuali.L'enema a livello sessuale ha molte utilizzazioni, infatti, può essere utilizzato per pulire prima della penetrazione, come punizione, come forma di addestramento o umiliazione o per semplice godimento. Nel Bdsm, ovviamente, l'utilizzo del clistere e fondamentalmente utilizzato come punizione o come umiliazione. Tra la cerchia degli schiavi è abbastanza temuta perché si possono introdurre anche vari litri di liquido, costringere il soggetto a sopportare a lungo la presenza della soluzione nel proprio corpo causando forti crampi e, per concludere, essere costretti a liberarsi in pubblico o in situazioni particolarmente umilianti. Il liquido utilizzato, in genere è acqua a cui si possono aggiungere varie sostanze per rendere più effettiva la pratica, sale, olio, caffè o glicerina. La quantità di liquido può arrivare fino a 3-4 litri facendo attenzione, però a non superare mai i 42° per il pericolo di ustionare il colon, molto efficaci per punire il soggetto sono quelli freddi, cioè tra i 20° e 35°, di solito, però si utilizza un liquido la cui temperatura è simile a quella del corpo umano: 37°. Il somministratore ha un'ampia possibilità di scelta riguardo la durata del clistere, dai 2-3 minuti fino ad un riempimento molto lento, che può durare svariati minuti. Anche per quello che riguarda la posizione da far assumere al paziente ci possono essere svariate possibilità; dipende dalla fantasia del somministratore. La fantasia del somministratore è fondamentale anche per il tempo di permanenza del liquido nel corpo del paziente, come per le modalità di evacuazione. Di seguito viene riportata la modalità di esecuzione. Va ricordato che, essendo il clistere una pratica che può provocare dei danni, è necessario avvicinarsi a tale tecnica con le dovute precauzioni.

- Eseguire un lavaggio antisettico delle mani
- Preparare tutto l'occorrente per effettuare la manovra
- La soluzione da usare deve avere una temperatura pari a 37-38°C e la quantità del liquido da introdurre può variare da 500 a 1200 ml.
- Riempire il tubo di irrigazione e la sonda di irrigazione facendo quindi uscire l'aria

In caso di clistere a pressione con l'irrigatore e la sonda:
- indossare i guanti e lubrificare la sonda per circa 10 cm
- inserire delicatamente la sonda nel retto per 5 cm in direzione
dell'ombelico, quindi aprire il morsetto e lasciar scorrere un po' di liquido, procedendo all'inserimento della sonda per altri 5 cm.
- introdurre il liquido lentamente e se il soggetto accusa dolori sospendere l'irrigazione per qualche secondo.
- arrestare il flusso con il morsetto prima del termine del liquido in modo da non favorire l'entrata di aria
- invitare il soggetto a trattenere la soluzione per circa 5-10 min
- scegliere il modo "migliore" per fare evacuare il paziente

In caso di peretta a bassa pressione:
- indossare i guanti e lubrificare il beccuccio della peretta o della sonda ad essa collegata
- inserire delicatamente il beccuccio o la sonda all'interno dello sfintere
-svuotare la peretta con una pressione costante
- invitare il soggetto a trattenere la soluzione per circa 5-10 min
- scegliere il modo "migliore" per fare evacuare il paziente

 

 

Onlain bookmaker bet365.com - the best bokie